Noctua NH-D15 - Recensione


Introduzione

Questo imponente dissipatore per CPU si presenta, come si evince dalle foto che allego, con una doppia torre lamellare e ben 6 heatpipe per ogni torre, chiaramente visibili sia sulla base del dissipatore sia sulla sommità del dissipatore, per un totale di 12 heatpipe. Questo dissipatore è nato per essere affiancato da almeno una ventola, posta fra le due torri, oppure da due ventole, la prima posta fra le due torri, la seconda posta ad una estremità di una delle due torri, solitamente sul lato più vicino alle memorie RAM. L’uso di una terza ventola è possibile, ma Noctua stessa ne sconsiglia l’uso, poiché fornisce solo miglioramenti marginali nel raffreddamento ma aumenta sensibilmente il rumore complessivo – anche per questo motivo Noctua non fornisce nella confezione la terza ventola, ne fornisce solo due.
Questo dissipatore è compatibile con la maggior parte dei socket per CPU di Intel e AMD attualmente sul mercato, anche con l’ultimo arrivato, il socket AM4 di AMD. Noctua fornisce il kit, denominato NM-AM4, gratuitamente per i possessori di questo dissipatore, a patto che i possessori di questo dissipatore forniscano la documentazione di acquisto del dissipatore e la documentazione di acquisto o del processore oppure della piastra madre. Per avere maggiori informazioni su questo kit aggiuntivo, cercare la frase “Noctua NM-AM4 mounting kit” su Internet. Il suddetto kit è anche acquistabile a parte.
Questo dissipatore, per essere montato, potrebbe richiedere l’uso del backplate (o piastra posteriore di sostegno) originale, ovvero quella fornita con la piastra madre – è il caso ad esempio del socket AMD. Se avete comprato questo dissipatore per sostituire un altro dissipatore che montava una sua piastra posteriore al posto di quella originale, allora dovrete recuperare il backplate originale. Se l’avete perso, potete chiedere al supporto tecnico di Noctua di procurarvene uno per voi. Oppure potete acquistarne uno per conto vostro.
Questo dissipatore è imponente, potrebbe non essere compatibile con alcune piastre madri, soprattutto con quelle che hanno il primo slot Pci-Express molto vicino al socket della CPU. Accertarsi, tramite il sito web di Noctua, che la propria piastra madre sia compatibile con questo dissipatore. Noctua vende anche una variante di questo dissipatore, denominata NH-D15S, con i gruppi lamellari sfasati leggermente in modo tale da poter essere montato anche su piastre madri con il socket cpu molto vicino al primo slot Pci-Express.
Bisogna tenere presente che proprio a causa dell’enormi dimensioni e del peso rilevante di questo dissipatore, e a causa dell’enorme stress meccanico che normalmente questo dissipatore potrebbe causare alla piastra madre, Noctua stessa consiglia vivamente di rimuoverlo dalla piastra madre se il computer deve subire un trasporto o una spedizione.


La confezione

La confezione include:

  • due ventole NF-A15, con velocità massima di 1500 giri al minuto, con attacco PWM a 4 pin. Da notare che queste due ventole sono progettate appositamente per questo dissipatore poiché le ventole NF-A15 in commercio hanno una velocità massima di 1200 giri al minuto;
  • due cavi adattatori LNA (Low Noise Adaptor) per ridurre la velocità massima delle ventole a 1200 giri al minuto. I suddetti cavi adattatori si possono anche acquistare a parte tramite il kit Noctua NA-SRC7;
  • un cavo a Y per collegare le due ventole di questo dissipatore ad un solo connettore PWM della piastra madre. Il suddetto cavo si può anche acquistare a parte tramite il kit Noctua NA-SYC1;
  • un tubetto di pasta termica Noctua NT-H1, acquistabile anche a parte;
  • un giravite ad L da usare per montare il kit Noctua SecuFirm2;
  • il kit di montaggio Noctua SecuFirm2 per socket AMD (AM2, AM3, AM3+, FM1, FM2, FM2+). Il kit per il socket AM4 (denominato NM-AM4) si può richiedere a Noctua oppure acquistare a parte. Il kit di montaggio per AMD richiede la piastra posteriore di sostegno (backplate) fornita con ogni piastra madre per socket AMD, tale piastra di sostegno solitamente viene fissata con 4 viti alla piastra madre tramite un modulo di mantenimento;
  • il kit di montaggio Noctua SecuFirm2 per socket Intel (LGA115x, LGA2011). I possessori dei socket LGA1366 e LGA775 possono richiedere a Noctua il kit NM-I3, oppure acquistarlo a parte. Il kit per il socket LGA115x è anche acquistabile a parte, il kit è denominato NM-i115x. Il kit per il socket LGA2011 è anche acquistabile a parte, il kit è denominato NM-I2011;
  • la documentazione per il montaggio dei suddetti due kit SecuFirm2 per Intel e AMD;
  • una placca metallica con il logo di Noctua.


Montaggio

Per il montaggio bisogna seguire attentamente le istruzioni incluse nella confezione. Io consiglio di scaricarsi il manuale dal sito di Noctua ancor prima di acquistare questo dissipatore al fine di capire quanto tempo ci vorrà per montarlo e quali difficoltà si potrebbero affrontare durante il montaggio.
Questi sono i miei consigli:

  1. consiglio l’uso di guanti in lattice non solo per evitare graffi o persino tagli sulle mani (i gruppi lamellari sono abbastanza affilati), ma anche per evitare di lasciare impronte sulle due torri lamellari;
  2. consiglio di montare innanzitutto il kit per il proprio socket; in seguito montare il dissipatore sulla piastra di sostegno senza la pasta termica, in modo tale da fare pratica sugli ingombri, per poter centrare le due viti da avvitare in seguito alla piastra di sostegno – operazione non sempre così semplice;
  3. consiglio vivamente di montare il dissipatore con la piastra madre smontata, questo semplifica l’inserimento del dissipatore sulla piastra di sostegno. Io, per evitare di rimuovere la piastra madre dal case, ho usato due specchietti ai lati della piastra di sostegno in modo tale da centrare le due viti da avvitare sulla piastra di sostegno (per socket AMD), operazione altrimenti impossibile da effettuare persino con un case enorme (il mio case è un Corsair Obsidian 750d);
  4. una volta inserito il dissipatore sulla piastra di sostegno con la pasta termica, come da istruzioni del manuale, assicurarsi che tutto il dissipatore sia stabile. Dopo è possibile inserire la prima ventola, fra le due torri del dissipatore, e iniziare ad effettuare i primi test a computer acceso. Una volta effettuati tutti i test, si può inserire la seconda ventola, in corrispondenza del blocco delle memorie RAM. Se le memorie RAM sono alte più di 32 mm, la seconda ventola dovrà essere spostata e arrivare quasi a toccare il pannello del case. In questo caso accertarsi di avere parecchio spazio a disposizione, oltre i 165 mm richiesti normalmente dal dissipatore. Se la seconda ventola non può entrare perché non c’è abbastanza spazio, è possibile montare una ventola da 120 mm, ad esempio una Noctua NF-F12 PWM, al posto di quella fornita con il dissipatore.


Prestazioni

Ho montato questo dissipatore poiché il mio precedente dissipatore, un Coolermaster Hyper 212 Evo, non permetteva l’overclock del mio processore AMD FX-8320e a 4,5 ghz, su piastra madre Asus Sabertooth 990FX r2.0; il massimo che potevo raggiungere era 4,2 ghz, oltre questo valore il dissipatore aveva serie difficoltà a smaltire il calore eccessivo generato dalla suddetta CPU.
Con questo dissipatore di Noctua, la mia CPU finalmente può funzionare senza tante difficoltà a 4,5 ghz, ed eseguendo un test con Prime95 (test SmallFFT) per mezz’ora, ottengo temperature non superiori a 52 gradi (piastra madre a 32 gradi e temperatura ambientale sui 22 gradi), ovviamente usando le due ventole incluse nella confezione, le quali, durante il suddetto test, girano alla velocità massima di 1361 giri al minuto.
Questi test sono stati effettuati usando inoltre una sola ventola montata sulla parte posteriore del mio case (Corsair Obsidian 750d Airflow Edition), ovvero una Noctua NF-A14, alla stessa velocità delle due ventole del dissipatore, ovvero 1361 giri al minuto. Quando la CPU è in idle, le tre ventole girano a poco meno di 450 giri al minuto, rendendo l’ambiente decisamente silenzioso.
La fisionomia del suddetto mio case permette un ottimo raffreddamento dei componenti interni, quindi in teoria si potrebbe spingere la CPU oltre i 4,5 ghz, il problema però non è solo dover dissipare la temperatura del processore, ma soprattutto dover gestire un consumo abnorme di corrente, che già durante i suddetti test raggiunge ben 270 watt (ovviamente il consumo si riferisce a tutto il computer), consumo che non include quello della scheda grafica – i test Prime95 sono test dedicati alla CPU, e non coinvolgono minimamente la scheda grafica.


Conclusioni

Noctua anche con questo dissipatore ha svolto un buon lavoro. Lungi da me dal dichiarare questo dissipatore il migliore sul mercato, è solo il secondo dissipatore che possiedo, posso soltanto affermare che con questo dissipatore i principali problemi che avevo con il precedente dissipatore sono stati definitivamente risolti, ora il computer è silenzioso, fresco e non mi dà più problemi neanche con le applicazioni più impegnative e pesanti.
Consiglio questo dissipatore, senza tentennamenti, per me è un’ottima scelta. È silenzioso quanto basta, efficiente, adatto agli overclock più spinti, è un’ottima scelta per i processori poco parsimoniosi.
Bisogna solo tener conto delle enormi dimensioni di questo dissipatore e del suo peso prima di acquistarlo, inoltre bisogna capire in anticipo se serve installare la seconda ventola al dissipatore e i vari problemi che questo comporta, come ad esempio un eventuale conflitto con i banchi di memoria RAM.


Pregi / Difetti

PREGI
Dissipatore silenzioso, efficiente, adatto per overclock spinti, adeguato per processori potenti

DIFETTI
Ingombrante, Pesante, la seconda ventola potrebbe interferire con i banchi di RAM


Collegamenti

Galleria Fotografica
Noctua NH-D15 - Pagina Prodotto